Wednesday, October 29, 2014

Novelar la Revolución. Francia, s. XVIII-XX





 

 Aude Déruelle et Jean-Marie Roulin (dir.)
Les Romans de la Révolution 1790-1912
Armand Colin (Coll. Recherches), 2014, 432 pp.
ISBN: 9782200600105

 « La Révolution a forgé le clairon ; le dix-neuvième siècle le sonne » (Hugo). Dès 1790, et tout au long du xixe siècle, une abondante littérature romanesque raconte la Révolution, du récit élégiaque de l’émigration chez Sénac de Meilhan à la noire ironie d’Anatole France, en passant par Les Chouans de Balzac, la saga de Dumas, les sombres romans normands de Barbey d’Aurevilly ou la célébration de 93 par Hugo, auxquels s’ajoutent de très nombreux textes qui ont eu une large diffusion, par le feuilleton, la presse ou des éditions populaires. C’est ce vaste corpus que le présent ouvrage interroge. Comment le roman, en regard d’autres écrits (mémoires, historiographie), parvient-il à faire entendre sa voix sur les événements révolutionnaires ? La mise en récit de la Révolution conduit-elle à des évolutions significatives de la forme romanesque ?
Dans une perspective résolument synthétique, cet ouvrage jette un regard nouveau sur la grande tradition romanesque française, en analysant les ruses de la fiction pour dire l’histoire en marche et scruter une société en pleine mutation.

 Le roman face aux révolutions du siècle

Le tournant du siècle ou la sidération 1789-1815 (Stéphanie Genand et Florence Lotterie). 
La Révolution entre mémoire et histoire 1815-1848 (Xavier Bourdenet)
D'une Révolution à l'autre 1848-1870 (Gisèle Séginger)
Le roman du débat républicain 1870-1912 (Corinne Saminadayar-Perrin)

La Révolution racontée par le roman

La fabrique romanesque de l'événement : dates, lieux et grands hommes (Aude Déruelle et Jean-Marie Roulin)
Les acteurs de la société révolutionnaire (Corinne Saminadayar-Perrin)
Un récit idéologique (Aude Déruelle, Paule Petitier et Jean-Marie Roulin)
La révolution autrement : décalages, décentrments, détours (Aude Déruelle)

Un romanesque révolutionné

Les registres romanesques de la Révolution (Jean-Marie Roulin)
Révolution du langage (Corinne Saminadayar-Perrin)
Une poétique régénérée (Stéphanie Genand et Jean-Marie Roulin)
L'expériences du temps (Paule Petitier).

 

Aude Déruelle, professeur de littérature du xixe siècle à l’université d’Orléans, membre de l’équipe POLEN, travaille sur l’écriture de l’histoire à l’époque romantique.
Jean-Marie Roulin,
professeur à l’université Jean Monnet (Saint-Étienne) et membre de l’UMR LIRE, travaille sur les représentations de la société et de l’histoire dans la littérature française des Lumières au Romantisme.

Wednesday, October 15, 2014

Cine, Literatura y Derecho. Università degli Studî Suor Orsola Benincasa, Facoltà di Giurisprudenza. CRIE - Imago Imperii. Archivio di iconologia politica*


Cinema Letteratura Diritto


Davanti alla legge. Immaginare il diritto

 

Anno Accademico 2014/2015
Napoli, 20 ottobre - 10 dicembre 2014

 
La Facoltà di Giurisprudenza, con il sostegno dell'Associazione Laureati Suor Orsola Benincasa, Sezione della Facoltà di Giurisprudenza, promuove, per l'anno accademico 2014-2015, la nona edizione del ciclo di incontri su Cinema Letteratura Diritto, che affiancano i corsi e costituiscono parte integrante della formazione degli studenti.

Il ciclo ha per titolo Davanti alla legge. Immaginare il diritto.

Da un lato esso rimanda alla celebre parabola kafkiana sulla necessità della legge (la porta aperta), sulla sua destinazione, sulla sua forma e interpretazione; parabola nella quale Kafka riprende, riscrivendola, una tradizione secolare che risale a Origene.
Dall'altro esso esprime con nettezza il rapporto visivo che ci lega alla legge scritta, a quel valore di "monumento" che la nostra e anche altre tradizioni le annettono: si sta dinanzi alla legge come dinanzi a un'opera che ci chiama, c'interpella, (im)ponendosi in forma di domanda, di interpretandum.
Il che rende ragione dell'immagine, insieme kafkiana e cinematografica, del titolo: la legge come schermo, come oggetto di una veduta (e di un'esposizione) frontale, di una visione collettiva, di una percezione che non è appannaggio esclusivo dei tecnici del diritto.
Tra questi sguardi inusitati, la letteratura e il cinema, entrambi discorsi pubblici, occupano un posto privilegiato. Nel caso della letteratura, pressoché da sempre. Ecco, pensare il diritto e il suo limite, non significa soltanto mettere in questione la pretesa del diritto di giuridificare ogni ambito della vita, significa anche pensare il diritto a partire da ciò che non ricade entro i suoi confini, da ciò che eccede i suoi rassicuranti perimetri disciplinari, e attingere a una molteplicità di fonti, di spunti, di angoli visuali. E saranno proprio questi, talvolta, a illustrarlo con maggiore nettezza: una tragedia di Sofocle, un film di Billy Wilder, un quadro di Edward Hopper.

"Sartre ha scritto che «L'enfer c'est les autres».
Per Kafka si potrebbe dire: «L'enfer c'est moi»".
Antonio Cassese, Kafka è stato con me tutta la vita, Bologna, il Mulino, 2014, p. 32.


Lunedì 20 ottobre 2014
ore 16,00
Aula 1, Convento di Santa Lucia al Monte, corso Vittorio Emanuele 334/ter

Il capitale umano
di P. Virzì (Italia-Francia, 2013)

Alfredo Guardiano

Mercoledì 29 ottobre 2014
ore 16,00
Sala degli Angeli, via Suor Orsola 10

Vincenzo Malinconico, avvocato d'insuccesso

Diego De Silva

Martedì 4 novembre 2014
ore 16,00
Aula 1, Convento di Santa Lucia al Monte, corso Vittorio Emanuele 334/ter

Margin Call
di J.C. Chandor (USA, 2011)

Riccardo Martina

Lunedì 10 novembre 2014
ore 16,00
Sala degli Angeli, via Suor Orsola 10

Maxmagnus e la corruzione amministrativa

Raffaele Cantone
Aldo Sandulli

Venerdì 21 novembre 2014
ore 18,00
Sala degli Angeli, via Suor Orsola 10

Ordinare o precipitarsi? Divagazioni sul Rito, il Gioco e il Processo penale

Fabrizio Gifuni

Martedì 25 novembre 2014
ore 16,00
Aula 1, Convento di Santa Lucia al Monte, corso Vittorio Emanuele 334/ter

Il gioiellino
di A. Molaioli (Italia, 2011)

Gianluca Gentile
Paolo Ghionni

Mercoledì 3 dicembre 2014
ore 16,00
Sala degli Angeli, via Suor Orsola 10

Il Kafka di Antonio Cassese. Dibattito su Kafka e i giuristi

Marino Freschi
Gennaro Carillo

Mercoledì 10 dicembre 2014
ore 16,00
Aula 1, Convento di Santa Lucia al Monte, corso Vittorio Emanuele 334/ter

Promised Land
di G. Van Sant (USA, 2012)

Ernesto Aghina

 
Per informazioni
Segreteria Didattica
Facoltà di Giurisprudenza
corso Vittorio Emanuele 334/ter
tel. e fax 081.2522.630; 081.2522.617 e-mail

La partecipazione agli incontri consente il riconoscimento dei crediti formativi professionali da parte dell'Ordine degli Avvocati.

 
* Imago imperii, l'Archivio di Iconologia Politica del CRIE (Centro di Ricerca sulle Istituzioni Europee), è una videoteca di settore sulle rappresentazioni del potere e della giustizia. Raccoglie 1600 titoli in formato Blue Ray DVD o Beta, privilegiando il cinema sperimentale europeo e americano, quello dell'area mediterranea (anche africana) e orientale (est Europa, Giappone, Cina, India, Indocina).


▀▄▀▄▀▄▀▄▀▄▀▄▀▄▀▄







Antonio Cassese
Kafka è stato con me tutta la vita
Il Mulino, Bologna, 2014, 144 pp.
ISBN: 9788815250810
Antonio Cassese non era un lettore qualunque di Kafka, ma un giudice che aveva esperienza del male e che continuava a credere nella legge e nel diritto, pur guardando "con angoscia le forze che si oppongono all'esercizio della giustizia e soprattutto l'istinto di sopraffazione sempre latente e pronto a esplodere in qualsiasi momento della vita e della storia". In questo libro egli apre ai lettori il suo "retrobottega", quel luogo e quel tempo di riposo mentale dalle fatiche quotidiane condiviso con le letture preferite. Da queste letture e dal confronto, continuo e sempre rinnovato, con lo scrittore praghese, costruisce tanti piccoli saggi, riflessioni sulla vita e sulla letteratura, sui mali dell'umanità, da lui così conosciuti per professione, accompagnandoci nei suoi incontri con personaggi veri o ideali. L'uomo e il giudice, lo studioso e il lettore si confondono in queste pagine in cui emerge una vita intera spesa a comprendere l'umanità, nel tentativo di aiutarla a uscire dai suoi mali oscuri. Un percorso intenso e intimo che si chiude con due racconti, "L'isola dei Bianconi" e "Getsemani", con cui Cassese affronta e spiega la sua ultima battaglia, quella con la malattia.
▀▄▀▄▀▄▀▄▀▄▀▄▀▄▀▄
PROCESSO AL SIGNOR K.

R2 Cultura
Magistrato nelle corti internazionali ed esperto di diritto, Antonio Cassese era anche uno studioso del grande scrittore ceco Ora i suoi appunti e diari diventano un libro Eccone un estratto

 


“Imputato Kafka, lei è buono Io la assolvo dal senso di colpa”

ANTONIO CASSESE

Il Processo di Kafka è la storia, si sa, di un impiegato di banca che una mattina viene arrestato da due rappresentanti della legge, che non sanno dirgli di cosa è accusato né chi lo processerà. Egli rimane a piede libero per subire un processo davanti ad autorità sconosciute e irraggiungibili. Il libro descrive i suoi sforzi per capire di quali colpe è accusato e per difendersi in qualche modo, avvicinando diverse persone variamente legate alla legge. Alla fine, senza essere mai trascinato in giudizio davanti ad un tribunale, viene prelevato a casa sua da altri due rappresentanti della legge, portato in una cava abbandonata e triste e ucciso con «un lungo coltello da macellaio affilato da tutte e due le parti». Tutto il romanzo è costruito come un insieme di incubi, in cui l’impiegato di banca, oppresso da un angoscioso sentimento di colpa, si trova di fronte ad una serie infinita di autorità nascoste e impenetrabili, che agiscono per motivi imprecisabili e con modalità arcane. Il nodo o conflitto essenziale di cui parlavo prima è dunque stemperato e reso metafisico in un susseguirsi di vicende in cui lo scontro tra l’individuo e l’autorità è diventato esistenziale e nel contempo polivalente, ambiguo ed universale. [...] Ma la problematica più specifica la ritroviamo almeno in tre momenti diversi del romanzo. Il primo è all’inizio, quando i due guardiani della legge vengono ad arrestare K. e lui non resiste. In quel momento K. si chiede nondimeno se respingere con forza, uscendo dall’appartamento, quel tentativo con tutta probabilità illegale di dichiararlo in stato di arresto: «Forse in tutto l’affare sarebbe stata questa la soluzione più semplice, di spingere cioè le cose agli estremi». K. ritorna sul punto parlando con la signora Grubach: se avesse subito tagliato corto e fosse subito uscito dalla sua camera da letto senza farsi sbarrare la strada dai due uomini della legge, forse avrebbe troncato sul nascere quel sopruso: «Insomma, se avessi agito ragionevolmente, non sarebbe successo nulla e ogni cosa sarebbe stata soffocata». Ecco qui il motivo della possibile ribellione alla prepotenza e all’arbitrio, ribellione che in teoria avrebbe potuto costituire un modo radicale di troncare il problema, ma che non ha potuto realizzarsi per l’incapacità di K. (il quale, per giustificare la sua inettitudine alla rivolta si affretta a dire alla signora Grubach: «Ma si è così poco preparati»).
Il motivo della rivolta ritorna nell’episodio dell’incontro con il giudice istruttore nella sala delle assemblee, quando K. urla: «Sono giunto alla fine», batte il pugno sul tavolo e fa una lunga arringa contro il tribunale, al termine della quale, prima di aprire la porta e uscire, esclama rivolto agli uomini della legge: «Straccioni, faccio a meno di tutti i vostri interrogatori». Sorprende questa risolutezza e questa forza di opporsi agli architetti ed esecutori dell’arbitrio. Ma il seguito del romanzo mostra bene che si trattava solo di conati di ribellione, perché poi K. riprende i suoi tentativi di comprendere perché lo vogliono processare e di fatto si sottopone all’autorità imperscrutabile della legge. Tanto è vero che più tardi sarà il custode del tribunale a dirgli, «con uno sguardo pieno di fiducia» (mit einem zutraulichen Blick) ma, forse, in realtà con scherno: «Si ha sempre voglia di ribellarsi» (Man rebellierteben immer).
Lo stesso motivo torna ancora nel capitolo 5, quando K. trova i due guardiani della legge nello sgabuzzino della banca, mentre vengono frustati da un terzo perché K. si era lamentato di loro con il giudice istruttore. K. cerca di sottrarli al frustatore tirando fuori il portafoglio ed offrendogli una buona mancia se li lasciava liberi. Ma fa tutto ciò con imbarazzo: mentre offriva la mancia «non guardava in viso il frustatore» e gli dice, con aria losca: «È sempre meglio per tutti combinare affari di questo genere ad occhi bassi». Ma il frustatore rifiuta, temendo di essere denunziato anche lui al giudice istruttore. Al che K. replica che non voleva affatto che i due fossero puniti, altrimenti non starebbe ora a chiedere di lasciarli liberi; se avesse saputo che sarebbero stati puniti non avrebbe fatto i loro nomi al giudice istruttore, perché essi non sono colpevoli — «colpevole è l’organizzazione, colpevoli sono gli alti impiegati». Ma il frustatore non cede e continua a colpire i due. Dopo di che K. lascia il ripostiglio e si allontana, abbandonando i due alla loro sorte. Ma resta inquieto: «Lo tormentava il fatto di non essere riuscito ad impedire quelle frustate; ma se non era riuscito non era colpa sua». E a questo punto prospetta a se stesso tutta una serie di sofismi per giustificare la propria codardia e spostare la colpa sugli altri.
In questo episodio K. cerca dunque di aiutare gli altri, ma non ci riesce, e conclude accettando lasconfitta ed anche autogiustificandosi con la riflessione che non era colpa sua — mentre in realtà sa benissimo, e lo ha ammesso prima, che se quei due sono picchiati è perché lui aveva fatto i loro nomi al giudice istruttore. K. è colpevole delle sofferenze degli altri, ma non ha né la forza né il coraggio di arrestare la mano del persecutore; cerca solo di corromperlo con modi loschi, di cui si vergogna; non ci riesce e finisce per fuggire, autoconvincendosi che non è in realtà colpevole.
In questo episodio c’è dunque l’accettazione dolorosa sia della colpa sia della propria incapacità di reagire all’arbitrio se non con modi meschini e inefficaci. Tutta la vicenda del frustatore e dell’incontro nello sgabuzzino esprime e simboleggia la definitiva, totale e irrimediabile sconfitta di K.[...] Sembrerebbero dunque chiare le radici più nascoste del desiderio di Kafka di aiutare gli altri ed in particolare di aiutarli ad opporsi all’oppressione. Quel che ora vorrei notare è che questo desiderio non si manifesta solo nella narrativa enel sogno, ma anche nella vita quotidiana dello scrittore. E si manifesta soprattutto in due modi, che spesso si intrecciano. Anzitutto nella scelta del lavoro. Kafka, dopo essersi addottorato in giurisprudenza, entra nel 1907, a 24 anni, alle Assicurazioni Generali. Ma è un lavoro monotono e burocratico, per cui sente che diventerà «a poco a poco di legno», come scriverà in una lettera ad un amico. Dopo nove mesi lascia dunque quel lavoro ed entra all’Istituto di assicurazioni contro gli infortuni dei lavoratori del Regno di Boemia, dove lavorerà dal 1908 al 1922, quando va in pensione anticipata, per ragioni di salute. Questa scelta dello scrittore non è stata mai studiata a fondo. Credo che essa non fosse solo dettata dalla necessità di trovare un gagnepain, ma sia in larga misura legata a motivazioni intime. All’Istituto egli infatti lavorava soprattutto nel campo degli indennizzi per gli infortuni degli operai e della propaganda per la prevenzione degli infortuni. Di fatto Kafka si occupò in numerosi casi di operai feriti o mutilati da macchine di lavoro. È evidente che in questo lavoro egli riusciva ad appagare il suo desiderio di proteggere i deboli, di soccorrere i più sfortunati. [...] L’altro modo per soddisfare il desiderio di aiutare gli altri era quello, minuto e sporadico, di fornire un piccolo ristoro, attraverso un po’ di denaro, a coloro che si trovavano in ristrettezze. Benché avesse un rapporto complesso con il denaro, secondo quanto ci riferiscono lo stesso scrittore (Lettera al padre) e Milena, già da piccolo Kafka sentì il bisogno vivissimo di dare un po’ del suo denaro ai più sfortunati. A quanto pare, lo scrittore era generoso anche con i suoi colleghi. Secondo una testimonianza raccolta da Wagenbach, un dattilografo dell’Istituto di assicurazioni cui egli dettava le minute, trovandosi in difficoltà finanziarie, otteneva spesso piccoli prestiti dallo scrittore, il quale poi ne rifiutava sempre la restituzione, osservando: «Lei ha bisogno di aiuto, ed io sono in grado di darglielo».
Probabilmente anche nei suoi rapporti con i mendicanti o i colleghi in difficoltà finanziarie, Kafka era mosso dal consueto sentimento complicato e contraddittorio. Vedeva in essi se stesso. Li vedeva bisognevoli di aiuto e incapaci di ribellarsi alla loro condizione o comunque di sovvertirla. Mutato nomine, de te fabula narratur: la loro pena era anche la sua, e la molla profonda del suo aiuto era il sentimento disperato di essere come schiacciato e di non trovare una via d’uscita. [...] Questa motivazione spiega forse anche i limiti dell’«aiutare gli altri » che possiamo riscontrare in Kafka. Egli era incapace di contribuire a mutare in modo radicale la condizione dei più sfortunati, che pure tanto lo turbavano. In un’epoca di grandi sovvertimenti sociali, di ideologie rivoluzionarie che predicavano il «riscatto degli oppressi», egli non partecipò a movimenti politici, ad associazioni sindacali o ad organizzazioni volte a migliorare le condizioni di vita di tanti “diseredati”. Forse contribuirono a questo atteggiamento la sua indole schiva, il bisogno di rimanere in ombra. Forse anche una concezione della letteratura che separa la scrittura dal così detto “impegno sociale”. Ma probabilmente fu decisivo il sentimento radicato che, così come non c’è salvezza per il singolo (l’uomo Kafka hic et nunc), non ci possa essere salvezza per la moltitudine.

Antonio Cassese (1937-2011)
Kafka è stato con me tutta la vita
Il Mulino, Bologna, 2014, 144 pp.


▀▄▀▄▀▄▀▄▀▄▀▄▀▄▀▄

di Enrico Arosio, L'espresso, 21/03/2014
 
Di giorno il processo a Milosevic. Di notte gli incubi giudiziari dell'autore praghese. Il sorprendente libro di Antonio Cassese

 
È stato un giurista di rilievo e un gentiluomo. Ha rappresentato l'Italia negli organismi internazionali dell'Onu. Ha avuto, come primo presidente del Tribunale penale per i crimini di guerra nell'ex Jugoslavia, responsabilità immani, tra cui il destino di Slobodan Milosevic. Antonio Cassese, quand'era ormai condannato dal male che lo portò alla morte, anziché lasciarci un'autobiografia ci ha lasciato un libro su Franz Kafka. Il più grande di tutti, per lui. Il messaggero universale dell' «incomprensibilità del mondo». Il titolo commuove: "Kafka è stato con me tutta la vita". Lo pubblica Il Mulino grazie alle cure della moglie Silvia Fano e dei figli Francesco e Teresa nel ricomporre i testi. La prefazione di Cassese è del 28 agosto 2011, la scomparsa del 22 ottobre. È un testamento spirituale, ma anzitutto è un regalo, in questa Italia che si contenta ormai di poco.
«Io ti schianto come un pesce», urlava al figlio Franz il padre Hermann, che lo dominava in tutto, nel fisico, nel carattere, nel senso degli affari. Kafka lo subì sempre, e sempre lo giustificò, prendendo su di sé la colpa anche quando non ne aveva. Gli studiosi hanno interpretato Kafka usando varie chiavi, dalla psicoanalisi all'ebraismo: visionario angelico, teologo, simbolista, esistenzialista. Per Cassese, il narratore del "Processo" è il latore dell'enigma della vita, il «genio», scrive, che ha saputo «trasformare la sua sofferenza in immagini e situazioni universali».
Cassese non è un filologo (pur conoscendo benissimo il tedesco) e qualche soluzione narrativa è convenzionale. Eppure il suo testo dà un'emozione profonda per come rivela a sé, e a noi, il fascino di Kafka, fragile gigante del moderno. La sua testimone preferita è forse Milena Jesenská, la "fidanzata" platonica. Milena, che morì nel 1944, disegna un Franz alieno alla realtà quotidiana del denaro, del lavoro, del successo. Un uomo nudo tra persone vestite, un asceta per il quale il mondo è un «segreto mistico». La sua paura dell'amore fisico («il coito come punizione per la felicità di stare insieme», confessa nei "Diari" nel 1913) infonde un senso di pietà. Commenta l'autore: all'occhio di uno psichiatra il soggetto sarebbe «un grave ossessivo». Per Kafka si può dire: «L'enfer c'est moi».
Cassese la notte studiava le lettere, i biografi, gli amici della Praga ebraica; sorprendente, per un giudice alle prese, di giorno, con i crimini atroci della Bosnia o del Darfur. È freddo verso il solito Max Brod, scrittore «mediocre», sebbene salvatore delle opere di Kafka destinate a esser distrutte. Riprende invece un giudizio di Franz Werfel del 1934: «Kafka è un inviato dall'alto, un grande eletto». Uno dei prescelti «che vedono sì cose nascoste agli altri ma soffrono anche molto più degli altri». Poi l'uomo di legge riflette sulla natura umana, ed emerge la sua esperienza del crimine, individuale e collettivo. Nel capitolo "Del desiderio di aiutare gli altri" lo sguardo va all'infelicità e alla violenza. Da millenni, scrive, l'uomo è l'animale aggressivo degli esordi, dominato dall'istinto di conservazione. L'«homo biologicus» lotta con l'«homo socialis».
Il conflitto è tra «giustizia» e «disciplina». Cassese lo analizza con estrema finezza intorno al racconto "Il fuochista" (1912), che divenne l'esordio del romanzo "Il disperso", volgarizzato poi come "Amerika". È il romanzo dell'innocenza, in cui il sedicenne Karl è forzato a emigrare in America per espiare una colpa non sua, e affronta il tema universale dell'incapacità di opporsi al verdetto ingiusto, aiutare la vittima.
Ribellarsi è vano, la giustizia è iniqua. E il potere? «Fra tutti gli scrittori, Kafka è il più grande esperto del potere», scrisse Elias Canetti, usando la parola "Macht" ("potere", ma anche "potenza"). Cassese, che giudicò in tribunale gli abusi degli eserciti e le uccisioni di massa, su questo rimane in silenzio.


 

Tuesday, October 14, 2014

Derecho, Literatura y Lenguaje. Novedad bibliográfica. Brasil



Direito e literatura: interseções discursivas nas veredas da linguagem
Ângela Barbosa Franco e Maria Antonieta Rigueira Leal Gurgel (Orgs.)
Arraes Editores Ltda., Belo Horizonte, 2014, 191 pp.
ISBN: 978-85-8238-080-2

 
A interação entre o Direito e a Literatura lida, de forma significativa, com a ambiguidade da linguagem e a diversidade interpretativa, o que comporta, a partir dessa combinação, distintas análises como a do direito da literatura (regulamentação da literatura); do direito como literatura (qualidades literárias do direito); do direito comparado  à literatura (a estrutura literária do direito); do direito na literatura (representação do direito e da justiça na literatura); dentre outras perspectivas. Afinal, quem determina o caminho a ser percorrido é o leitor, na sua  aproximação com a linguagem

 

APRESENTAÇÃO

- É O HUMANO LITERATURA?

Bernardo G. B. Nogueira

- UM OLHAR SOBRE AS SINHAZINHAS, MALVINAS E
GABRIELAS DO BRASIL: A QUESTÃO DA VIOLÊNCIA
DE GÊNERO, A PARTIR DA OBRA GABRIELA CRAVO
E CANELA, DE JORGE AMADO

Maria Antonieta Rigueira Leal Gurgel
Monik Suélly da Silva Castro

- IAGO, O MEDIADOR ÀS AVESSAS EM OTHELLO

Ângela Barbosa Franco
Maria Cristina Pimentel Campos

- “O LOBO EM PELE DE CORDEIRO” OU “O DIA QUANDO
O MORRO DESCER E NÃO FOR CARNAVAL”

Rosivaldo Toscano dos Santos Júnior

- REFLEXÕES SOBRE O ERRO JUDICIÁRIO NA SEARA
CRIMINAL, A PARTIR DA OBRA LITERÁRIA O PROCESSO MAURIZIUS, DE JAKOB WASSERMANN

Maria Antonieta Rigueira Leal Gurgel
Ramon Caldas Ferreira

- NESSE VIL CABARÉ ANARQUIA E REVOLUÇÃO EM V DE VINGANÇA

Ramon Mapa da Silva

- AS PRISÕES PROVISÓRIAS BRASILEIRAS E A CASA VERDE
DE SIMÃO BACAMARTE – UMA ANÁLISE CRITERIAL

Ana Paula Pessoa Brandão Chiapeta
Maira Gomes de Oliveira

- O FORTALECIMENTO DO PRECEITO DE DIGNIDADE HUMANA E A AMPLIAÇÃO DO ALCANCE DOS DIREITOS FUNDAMENTAIS PELA NARRATIVA DE FIÓDOR DOISTOIÉVISK EM GENTE POBRE

Jhonatt Pereira

- NA COLÔNIA PENAL E OS DISCURSOS DA PENA:
POSSÍVEIS INTERSECÇÕES

Guilherme Gomes Sabino

- ENTENDENDO AS CONCEPÇÕES DE JUSTIÇA EM RAWLS
A PARTIR DOS TUBARÕES DE MOBY DICK

Fernando Gomes Schettini

- REFLEXÕES SOBRE JUSTIÇA E RECONHECIMENTO EM
A MORTE DE IVAN ILITCH

Glauco Rodrigues de Paula
Mário Monteiro de Castro Neto

 

 
Ângela Barbosa Franco. Mestranda em Direito Empresarial pela Faculdade de Direito Milton Campos, Especialista em Direito Civil e Processo Civil pela Escola Superior do Ministério Público, ex-Professora Substituta do Departamento de Direito da Universidade Federal de Viçosa/MG, Professora de Direito do Trabalho da ESUV, Advogada.  

Maria Antonieta Rigueira Leal Gurgel. Professora do Departamento de Direito da Universidade Federal de Viçosa/MG

 

▀▄▀▄▀▄▀▄▀▄▀▄▀▄▀▄

 

Direito e Literatura. As professoras Angela Barbosa Franco (E) e Maria Antonieta Rigueira Leal Gurgel com o Gestor do Curso de Direito Mário Monteiro
   28/08/2014

Foi lançado o livro “Direito e Literatura. Inserções Discursivas nas Veredas da Linguagem”. O livro, uma coletânea de artigos, foi organizado pelas professoras da Univiçosa Maria Antonieta Rigueira Leal Gurgel e Ângela Barbosa Franco. Maria Antonieta avalia que "há momentos na vida que as palavras se perdem porque nada do que dissermos expressa o tom perfeito dos sentimentos e emoções. Entretanto, falar é preciso porque é o tempo de realização de um sonho: unir Direito e Arte".

J.C.G.

Monday, October 13, 2014

Derecho y Literatura. Sobre James Boyd White. Novedad bibliográfica, EEUU




Living in a Law Transformed: Encounters with the Works of James Boyd White

Edited by Julen Etxabe and Gary Watt
Michigan Publishing, University of Michigan Library, Ann Arbor, MI., 2014, 236 pp.
ISBN: 9781607853367

In 2013, an international group of jurists gathered in London to mark the 40th anniversary of the publication of James Boyd White’s The Legal Imagination, the book that is widely credited with instigating and inspiring the modern “law and literature” and “law and humanities” movements in university teaching and research. The authors of each of the twelve essays in this collection offer a personal reflection on teaching, researching, and practicing law in the light of White’s invitation to reimagine the law and our own relationship with it. Each is therefore a personal response to the challenge of bringing legal work to life and life to legal work. Topics covered range from rhetoric to human rights, from silence to slow reading, from film to material culture, and from the natural world to the realm of religious experience. This book hopes to make life in the law more meaningful for the scholar, the judge, the attorney, and the student, following the sometimes hard path that James Boyd White set for himself to follow.
 

Table of Contents

 

▀▄▀▄▀▄▀▄▀▄▀▄▀▄▀▄

Contenidos en abierto de esta obra, accesibles en http://quod.lib.umich.edu/m/maize/12982987.0001.001
 
 
James Boyd White, 2008

Web personal del Prof. James Boyd White : http://www-personal.umich.edu/~jbwhite/

J.C.G.

 



Sunday, October 12, 2014

Deporte y Derecho. Justice Baseball



Ingratos con Antígona. Literatura, Filosofía y Derecho



Franco Voltaggio
Antigone tradita. Una contraddizione della modernità: libertà e stato nazionale
Editori Internazionali Riuniti (collana Navigazioni) 2013, 400 pp.
ISBN: 978-8835992653

Quando, nel 1788, Hegel legge e traduce in tedesco l'"Antigone" di Sofocle, l'immortale infelice eroina della lotta per la giustizia universale contro l'ottusa brutalità del potere provoca in lui un vero innamoramento: il fuoco della libertà che aveva travolto Antigone, infatti, era stato il medesimo che aveva bruciato nel suo cuore di diciottenne. Quel fuoco sembrava destinato a fare di Hegel il filosofo di un mondo libero, un mondo di cui Hölderlin era il cantore, illuminato dall'amore e dalla bellezza. Le cose però non andarono così. Prima ancora dei trent'anni, in Hegel iniziano a insinuarsi i dubbi, i sogni di gloria assumono una configurazione più realistica, e il giovane che aveva amato celebrare, con Hölderlin e Schelling, gli anniversari della Rivoluzione francese, comincia a trasformarsi nell'oculato amministratore di un lento ma sicuro successo. Approssimandosi ai quarant'anni, Hegel approfondisce e articola le sue ricerche sullo Spirito, il "Geist". Quando inizia la scrittura dell'epopea del mondo moderno, la "Fenomenologia dello spirito", è ancora innamorato di Antigone. Ma ogni pagina dell'opera è un passo che lo allontana da lei: quello che avrebbe potuto essere una sorta di Inno alla gioia, il trionfo della libertà, diventa a poco a poco l'iter amministrativo di consacrazione definitiva del potere.

 

Indice

1. Hegel tra amore e conoscenza

1.1 Un amore giovanile
1.2 I due inseparabili “neri”: Hegel e Hölderlin
1.3 Un cruciale apprendistato: Hegel discepolo di Hölderlin
1.4 Il discorso di Diotima
1.5 La verità colta da Hölderlin
1.6 Libertà e destino
1.7 Tirocinio teoretico
1.8 Hegel e Schelling: un'occasione mancata

2. La coscienza infelice

2.1 Una notte del 1806
2.2Tempi moderni: la genesi dell'infelicità
2.3 Prima della battaglia (Assunti di base della Fenomenologia)
2.4 Postilla
2.5 L'avvento della coscienza infelice
2.6 Il movimento dell'autocoscienza
2.7 La dialettica signoria-servitù
2.8 Le figure già deposte nello spirito
2.9 Il romanzo pedagogico della borghesia europea
2.10 Il declino di Antigone (Infelicità e potere)

3 Il mondo della dialettica

3.1 Considerazioni preliminari
3.2 Accoglimento della dialettica del reale
3.3 I materiali dialettici della Fenomenologia
3.4 La necessità del male: il divenire
3.5. Il ribaltamento della dialettica ovvero l'Essere è il Male

4. Società e Stato

4.1 La politica come scenario della necessità del male
4.2 Il contenuto della Filosofia del diritto
4.3 Linee di una possibile confutazione della Filosofia del diritto
4.4 Diritto e libertà
4.5 Il diritto privato o dello scambio di proprietà
4.6 Bisogni, baratto, commercio
4.7 Dalla società civile allo Stato
4.8 Lo Stato nazionale hegeliano (lo Stato Etico)
4.9 Nazione, popolo e Stato

5. Il fraintendimento del mondo classico (Linee di una decostruzione dell'idea hegeliana del diritto)

5.1 Il disagio del filosofo morale
5.2 L'uomo greco tra ambiguità e dover essere della natura umana (Il fraintendimento dell'Antigone)
5.3 L'essere umano è per essenza libero
5.4 Il diritto (jus) è un dover essere interiore
5.5 Un'esigenza della modernità: la Costituzione. Che cosa deve essere?
5.6 Corollario sui limiti di una Costituzione
5.7 Il mondo di Antigone quale presunta preparazione al mondo nuovo
5.8 Postilla: un invito al dialogo

6. Il tradimento di Antigone

6.1 Premessa
6.2 Le leggi sono
6.3 Le rovine lasciate dallo spirito
6.4 Lo spirito vero. L'eticità 
6.5 Il mondo etico. La coscienza individuale e lo Spirito
6.6 Legge umana e legge divina
6.7 La modernità (presunta) del paradigma
6.8 La divaricazione permanente tra legge umana e legge divina
6.9 La famiglia
6.10 La famiglia e il morto
6.11 Una mediazione tra le potenze dell'etica: il governo e la guerra
6.12 La condizione di Antigone
6.13 Il sacrificio di Antigone e la quiete del mondo etico
6.14 L'azione etica tra decisione, colpa e destino
6.15 Il significato di una vista di Hegel
6.16 Hegel offende Antigone
6.17 Corollario sul teatro
6.18 Hegel: la tragedia e il tragico come tappe dello Spirito
6.19 Elementi strutturali della tragedia
6.20 La tragedia greca secondo Hegel
6.21 Il commiato da Antigone

Epilogo

1. Morte e rinascita di Antigone
2. Il modus operandi del delitto
3. Il corpo di Antigone
4. Dal corpo di Antigone al corpo della patria
5. L'ultimo oltraggio ad Antigone; l'amor di patria
6. La rinascita di Antigone
7. Corollario di microstoria (il corpo femminile senza la libertà)
8. La debolezza (presunta) del corpo femminile
9. Dalla liberazione del corpo femminile a una filosofia della libertà 

Bibliografia
Indice dei nomi

 

 

▀▄▀▄▀▄▀▄▀▄▀▄▀▄▀▄

 

Recensione di Isabella Ferron - 24/05/2014 disponible en: http://www.recensionifilosofiche.info/2014/09/voltaggio-franco-antigone-tradita-una.html

J.C.G.