Monday, May 19, 2014

Tácito, criminólogo y cronista de tribunales


Maiuri Arduino
La giurisdizione criminale in Tacito. Aspetti letterari e implicazioni politiche
Presentazione di Stefano Giglio
Prefazione di Giovanni Maria Giaquinto
Alpes Italia srl (Collana di Criminologia e Sxienze Sociali), Roma, 2012, XIX-260 pp.
ISBN: 9788865311165


Il nuovo assetto istituzionale affermatosi a Roma con il principato si avvalse in modo sistematico e strumentale dei meccanismi della giurisdizione criminale, in quella che può definirsi una dura operazione politica condotta con l'attività giudiziaria. Il presente volume, coerentemente, si incentra sui processi penali riferiti da Tacito e risulta diviso in quattro sezioni: le prime tre dedicate agli "Annales", ossia all'attività di governo di Tiberio, Claudio e Nerone; la quarta invece alla produzione rimanente dello storico latino. A parte l'esposizione dei casi, che nel testo detiene un ruolo centrale, in base alla natura delle singole fattispecie si sono affiancati altri tipi di approccio scientifico, in primis giuridico, ma all'occorrenza anche epigrafico, filologico o letterario, privilegiando un fertile dialogo tra i vari ambiti dell'antichistica. Sono state vagliate, inoltre, le fonti parallele, affinché il confronto dei dati disponibili valorizzasse lo specifico apporto letterario offerto dall'arte tacitiana.


Presentazione
(Stefano Giglio)
Prefazione
(Giovanni Maria Giaquinto)
Nota editoriale
(Amato Luciano Fargnoli)

Introduzione

PARTE I – LA DISSIMULATIO DI TIBERIO
1. Il caso di Gneo Calpurnio Pisone
1.1Il resoconto degli Annales
e il punto di vista di Tacito
1.2Le nuove possibilità comparative offerte dal
S. C. de Cn. Pisone patre
1.3Conclusioni
2. Altri importanti casi giudiziari a sfondo politico
2.1 Libone Druso
2.2 Vibio Sereno
2.3 Gaio Silio
2.4 Tizio Sabino
2.5 Agrippina maggiore e i suoi cari
3. Seiano e il crimen coniurationis
3.1 Elio Seiano, la sua ascesa e le ragioni di una congiura
3.2 La repressione dei congiurati seianei
4. L’evoluzione del trattamento del reato di
maiestas
4.1 I primi anni del principato in deterius:
l’episodio di Cremuzio Cordo e il ritiro di Tiberio da Roma
4.3 L’ultimo periodo
4.4 Le accuse inefficaci
5. Processi internazionali e amministrazione delle province
5.1Il trattamento congiunto princeps-senatus
delle questioni internazionali
5.2 La repressione del malgoverno nelle province
6. Altri crimini

PARTE II - L'IMBECILLITAS DI CLAUDIO

7. La parabola di Messalina
7.1 Il caso di Valerio Asiatico e le vicende giudiziarie successive
7.2 Messalina e i suoi eccessi fatali: le nozze con Silio
8. La scalata di Agrippina minore
8.1 Agrippina al potere
8.2 Magia, divinazione e detenzione del potere

PARTE III - LA SAEVITIA DI NERONE

9. L'uso strumentale del processo per la rovina delle imperatrici
9.1 L'epilogo di Agrippina
9.2 Il triste destino di Ottavia
10. L'eliminazione sommaria di personaggi scomodi
10.1 Cornelio Silla e Rubellio Plauto
10.2 D. Torquato Silano, Cassio Longino, L. Torquato Silano nipote e Lepida
10.3 Antistio Vetere, Sestia e Pollitta
11. La congiura di Pisone
11.1 I fatti salienti e l'epilogo luttuoso nel resoconto di Tacito
11.2 Conclusioni sulla narrativa di Pisone
11.3 Gli strascichi della congiura: le repressioni del 66
12. La persecuzione della virtù: Trasea Peto e Barea Sorano
12.1 Ambivalenza del termine virtus nell'opposizione senatoria durante il
principato di Nerone
12.2 Il processo di Trasea
12.3 Barea Sorano e Servilia
13. Maiestas e consultazioni astrologiche
13.1 Tum primum revocata ea lex
13.2 Le consultazioni astrologiche
14. L'amministrazione delle province
15. Altri crimini
15.1 Crimini la cui iniziativa parte da singoli personaggi
15.2 Crimini di massa

PARTE IV - IL RESTO DELL'OPERA

16. Le premesse del Tacito maggiore
16.1 Caos politico e parentesi giudiziarie nelle Historiae
16.2 L'opposizione alla tirannide domizianea nell'Agricola
16.3 Il declino dell'oratoria giudiziaria: il Dialogus de oratoribus
Conclusioni sulla narrativa giudiziaria tacitiana (con qualche nota sulla
natura del sistema giuspenalistico nel I sec. d. C.)

Appendice: testo e traduzione del S. C. de Cn. Pisone patre

Tavola delle abbreviazioni
Bibliografia
Indice delle fonti antiche
Loci selecti di contenuto giudiziario
Indice dei nomi dei personaggi coinvolti in vicende giudiziarie



Arduino Maiuri: Docente di latino e greco presso il Liceo Classico Cornelio Tacito di Roma e dottore diricerca in Filologia greca e latina e Storia religiosa (La Sapienza). I suoi interessi vertono sostanzialmente in-torno agli aspetti storici e pubblicistici del diritto romano, la storia romana e le religioni del mondo classico.Ha partecipato come relatore a vari convegni ed è socio della Società Italiana di Storia delle Religioni. Trale sue pubblicazioni figurano numerosi contributi per Studi e materiali di storia delle religioni, nonché i quaderni Paramenti sacri e Costumi tradizionali, inclusi nella collana Simbologia del vestire (Nuova Cultura).

No comments: