Monday, March 31, 2014

Derechos sociales, de Francisco Javier Ansuátegui Roig. Novedad bibliográfica



Francisco Javier Ansuátegui Roig
Rivendicando i diritti sociali
Edizioni Scientifiche Italiane (Collana: L'Europa del diritto), Napoli, 2014, 52 pp.
ISBN: 9788849527759
Viviamo in tempi sempre più incerti e difficili. Certezze d’un tempo si stanno sgretolando insieme allo Stato sociale cui queste erano collegate. E lo Stato sociale si fa fragile perché è la sua sua qualità principale ad essere attaccata e rimaneggiata al ribasso, la capacità di ascrivere diritti sociali ai cittadini e sì pure agli stranieri, ché i diritti sociali sono stati pensati almeno in via di principio come universali. Tutto ciò però è teoricamente e politicamente controverso. Nelle due lezioni che qui si pubblicano è questo il tema che si affronta, della pregnanza e complessità – concettuale ed istituzionale – di strumenti che la cittadinanza si era data per accedere ad un modello di ordine politico imperniato sulla ridistribuzione della ricchezza e del potere materiale. I diritti fondamentali “classici” dello Stato liberale, i diritti “civili” e “politici”, quelli “negativi” di difesa dall’ingerenza statale e quelli “positivi” di partecipazione alla sfera politica, si completano col conferimento di diritti “sociali”, di diritti a prestazioni sociali. Questi ultimi tuttavia una società nuovamente risospinta verso una concezione aspramente individualista della convivenza, verso un’economia altamente competitiva di mercato, si ritrova a vedere drammaticamente rimessi in discussione.

Indice
A. Argomenti per una teoria dei diritti sociali
B. I diritti sociali in tempo di crisi. La questione del loro fondamento


Francisco Javier Ansuátegui Roig è Catedrático dell’Università Carlos III di Madrid, e allievo del Professor Gregorio Peces- Barba, egli si è formato alla scuola spagnola del giuspositivismo d’estrazione bobbiana che ha profondamento rinnovato la tradizione giusfilosofica e più in generale la cultura giuridica della moderna Spagna democratica. Direttore dell’Instituto de Derechos Humanos “Bartolomé de las Casas” e redattore della rivista Derechos y libertades.

No comments: