Monday, April 11, 2011

Sobre la Biblioteca de Alejandría antes de Omar, el Califa, y su visir Amrou Ibn el Ass


Mónica Berti- Virgilio Costa La Bilioteca di Alessandria. Storia di un paradiso perduto Edizioni TORED, Tivoli, Rm., 2010, XVI-280 pp. ISBN 978-88-88617-34-3

«Tolemeo II, re di Alessandria, era un uomo amante del bello e delle lettere. Fondò una biblioteca nella città stessa di Alessandro (...) e la affidò a un certo Demetrio Falereo, con l’ordine di raccogliere i libri che si trovavano in ogni parte del mondo». Con queste parole il vescovo Epifanio (fine IV secolo d.C.) rievoca la nascita ad Alessandria d’Egitto – la splendida città sul delta del Nilo fondata da Alessandro Magno nel 331 a.C. – della più importante biblioteca dell’antichità. Voluta da Tolemeo I Soter, il capostipite della dinastia macedone che resse il trono d’Egitto sino alla celebre Cleopatra, la biblioteca fu concepita come uno strumento di lavoro al servizio del Museo, il prestigiosissimo centro scientifico-letterario che per secoli attirò i migliori “cervelli” del mondo antico. Questo libro ripercorre la storia della biblioteca di Alessandria dalle origini sino alla sua dispersione; grande spazio è dato alla viva voce degli autori antichi, le cui testimonianze sono esaminate anche allo scopo di comprendere la genesi di un mito, quello della “biblioteca perduta”, che da più di due millenni simboleggia l’anelito umano verso la conoscenza universale.

Sommario: Presentazione (pp. v-vii) Premessa (pp. ix-xi) Abbreviazioni bibliografiche (p. xiii-xvi) 1. Una giornata ad Alessandria (pp. 1-47) 2. Il progetto di fondazione: radunare tutti i libri del mondo (pp. 49-100) 3. Scienza e filologia nella Biblioteca di Alessandria (pp. 101-159) 4. La fine della grande biblioteca (pp. 161-196) 5. Ritorno ad Alessandria (pp. 197-213) Appendice: Principali scrittori antichi citati nel volume (pp. 215-239) Bibliografia essenziale (pp. 241-249) Inidice delle fonti (pp. 251-258). Indice dei nomi (pp. 259-276).

Mónica Berti è dottore di ricerca in Scienze Storiche dell’Antichità e collabora con il Perseus Project della Tufts University di Boston per la realizzazione di una biblioteca digitale di autori frammentari. Ha pubblicato numerosi studi di storia greca, epigrafia e papirologia in prestigiose collane italiane e internazionali. Lavora con diversi atenei italiani e statunitensi ed è attualmente interessata al tema della rappresentazione delle fonti antiche in ambiente digitale.

Virgilio Costa
è professore associato di storia greca presso l’Università di Roma Tor Vergata. Si occupa in prevalenza di storiografia greca frammentaria e di storia della tradizione classica. Per la collana «I Frammenti degli Storici Greci» sta preparando nuove edizioni critiche commentate dei frammenti di Filocoro (il primo di tre volumi, dedicato ai frammenti dell’Atthis, è apparso nel 2007) e degli storici di Naxos delle Cicladi.

No comments: