Sunday, June 29, 2008

Letteratura e diritto. Una battaglia tra due libertà, por Claudio Magris



La lettura sin dalle origini della civiltà, alle leggi positive si contrappone l' universalità dei valori umanitari. Per questo l' etica ha bisogno della poesia

«Se la sbrighi ciascuno col suo peccato - dice don Chisciotte vedendo la fila dei galeotti in catene; non è bene che gli uomini onesti si facciano carnefici di altri uomini». Sotto i più diversi cieli e nelle più diverse epoche, la letteratura sembra pervasa da un rifiuto del diritto e della legge, che essa respinge spesso confondendo e identificando i due termini e le realtà diverse che sottendono. Novalis, il romantico tedesco che si propone di poetizzare ossia di riscattare poeticamente il Tutto, scrive in uno dei suoi frammenti: «Io sono un uomo completamente illegale; non ho il senso né il bisogno del diritto» (...). L' avversione della poesia al diritto ha verosimilmente un' altra ragione profonda. La legge instaura il suo impero e rivela la sua necessità là dove c' è o è possibile un conflitto; il regno del diritto è la realtà dei conflitti e della necessità di mediarli (...). Il diritto appare dunque legato alla barbarie del conflitto; necessario, ma come lo è un' amputazione in una malattia o una difesa armata da un attacco armato. Nella poesia - anche la più sofisticata e trasgressiva - c' è quasi sempre, evidente o nascosto, il sogno - nostalgia rivolta al passato o profezia proiettata nel futuro - dell' età dell' oro, dell' innocenza di ogni pulsione, del lupo e dell' agnello che si abbeverano amichevolmente alla stessa fonte. Questa redenzione poetica di ogni pulsione, che Novalis e forse anche Rimbaud ritenevano possibile, tinge del proprio colore di fiore azzurro perfino certi movimenti rivoluzionari protesi a creare politicamente ed esistenzialmente l' uomo nuovo; durante la Comune di Parigi, i comunardi sparavano agli orologi per simboleggiare la fine del tempo storico e giuridico dell' ingiustizia e l' avvento di un tempo nuovo, messianico. La rivoluzione come orgasmo, predicata nel Sessantotto, è l' ennesima, stantia ripetizione di questo sogno di abolire la legge, legata all' esistenza di rapporti di violenza. «Il dominio del diritto - dice un altro frammento di Novalis, angelico precursore delle assemblee pulsionali - cesserà insieme con la barbarie». Il rifiuto della legge avvicina la poesia alla fede. Nessuno ha messo sotto accusa la legge come San Paolo e la teologia, specie protestante, che deriva da lui. «La legge provoca la collera di Dio», sta scritto nella Lettera ai Romani; è essa che fa prendere vita al peccato e lo fa sovrabbondare, si dice ancora, e Lutero incalza: «Prima ero libero e andavo nella notte senza lanterna; ora, dopo la legge, ho una coscienza e prendo una lanterna nella notte. Dunque la legge di Dio non è nulla, se non l' inizio della cattiva coscienza». La risposta dell' uomo religioso all' orrore della legge è il salto nella grazia, l' abbandono alla fede, che salva al di là del giudizio perché non si basa sull' esame delle azioni, meritorie o delittuose, bensì sull' unione totale in Dio, indipendentemente da ogni valutazione morale: «Abramo si salva», scrive Karl Barth, non per quello che fa, bensì perché «crede in colui che dichiara giusto l' empio» (...). Nella letteratura tale violenza religiosa si laicizza, conservando tuttavia la propria radicalità: all' abbandono in Dio si sostituisce spesso l' abbandono alla totalità della vita, l' armonia col suo fluire al di là del bene e del male. Per Kafka, la legge pone l' individuo fuori dalla vita - fuori del territorio dell' amore, scrive all' amica Milena (...). Ma questa consapevolezza lo induce a un peccato secondo Kafka ancora più grave ossia a pretendere di non mescolarsi al buio e all' impuro della vita, di essere puro, orgogliosamente scevro di ogni colpa e della stessa colpa di vivere. Tale superba pretesa di non essere sporcato dal fango della vita è la sua colpa, che lo estrania agli uomini e lo condanna a restare sempre davanti alle porte della legge, come nella famosa parabola, a non entrare nella vita, a «difendersi sino alla fine», come dice nel Processo Josef K., colpevole proprio per tale ossessione di difesa legalistica. Con questa ansia di perfetta innocenza e purezza è impossibile non violare alcun codicillo: «Sempre si trasgredisce la legge», dice Fischerle nell' Auto da fé di Canetti (...). In Michael Kolhaas - il più grande racconto che sia mai stato scritto sulla lettera e lo spirito della legge, la sua violazione e la sete di giustizia - Kleist mostra la tragica violenza immanente alla sacrosanta esigenza di ottenere e farsi giustizia. La poesia - come la vita, come l' amore - vorrebbe la grazia, non la legge; essa racconta l' esistenza piuttosto che giudicarla, come nel detto evangelico: «Nolite judicare» (...). La letteratura rivela così la sua profonda e contraddittoria essenza morale; nemica della legge astratta e disincarnata, essa è un' incarnazione della legge. I fondatori di religioni e i creatori di etica hanno bisogno della letteratura; raccontano parabole, in cui un' astratta verità morale, che altrimenti morirebbe subito di inedia, diviene vita concreta, epico racconto della vita. Il commento alla Legge per eccellenza, la Torah, diviene la grande narrazione talmudica. Questa epicità, che è inizialmente accettazione dell' esistenza intera al di là del bene e del male, contiene il giudizio, pure il castigo che deve seguire il delitto; Raskolnikov accetta intimamente - pur giustamente convinto dell' irripetibile diversità del suo cuore, irriducibile a ogni comma giuridico - la pena e la Siberia. Sin dalle origini fondanti della nostra civiltà, al diritto codificato ossia alla legge viene contrapposta l' universalità di valori umani che nessuna norma positiva può negare: all' iniqua legge dello Stato promulgata da Creonte, che nega universali sentimenti e valori umani, Antigone contrappone le «non scritte leggi degli dèi», i comandamenti e i principi assoluti che nessuna autorità può violare. Il capolavoro di Sofocle è una tragica espressione del conflitto tra l' umano e la legge, che è pure conflitto tra il diritto e la legge. Il decreto iniquo di Creonte è una legge positiva, con un suo contenuto specifico. Ad essa Antigone contrappone un diritto non codificato, potremmo dire consuetudinario, tramandato dalla pietas e dall' auctoritas della tradizione, che si presenta quale depositario stesso dell' universale, un diritto al di sopra della legge positiva. In questo caso, esso corrisponde a imperativi categorici assoluti; Antigone è il simbolo intramontabile della resistenza alle leggi ingiuste, alla tirannide, al male: veneriamo come eroi e martiri i fratelli Scholl o il teologo Bonhoeffer che, come Antigone, si sono ribellati alla legge di uno Stato - quello nazista - che calpestava l' umanità, sacrificando in questa ribellione la loro vita. Ma Antigone è una tragedia ossia non è solo una nitida contrapposizione di pura innocenza e truce colpa, ma è un conflitto nel quale non è possibile assumere una posizione che non comporti inevitabilmente, per tutti i contendenti, anche i più nobili, pure una colpa. Sofocle, genialmente, non raffigura Creonte quale un mostruoso tiranno; questi non è un Hitler, ma è un governante le cui responsabilità di governo, di tutela della città, possono chiedere di tener conto - in nome dell' etica della responsabilità, per citare Max Weber - delle conseguenze, sulla vita di tutti, di una disobbedienza alle leggi positive e di un possibile caos che ne segua. A seconda della costellazione storico-sociale, la libertà e la democrazia si difendono appellandosi al diritto non scritto, depositario di tutta una tradizione culturale, o alla legge positiva. Durante la Repubblica di Weimar, i democratici si appellavano alle leggi positive che punivano le dilaganti violenze antisemite, mentre giuristi e intellettuali filonazisti sostenevano che quelle leggi non corrispondevano al radicato sentire del popolo tedesco e dunque al suo diritto profondo ed erano perciò astratte; durante il nazismo, ad appellarsi alle «non scritte leggi degli dèi», contro le positive leggi razziali e liberticide del regime, erano gli oppositori del nazismo (...). Legge e diritto sanciscono questo peccato originale, questa impossibilità dell' innocenza dell' esistere. Ed è questo che, pur contrapponendo poesia e diritto, anche li avvicina, perché - scrive Salvatore Satta in un passo del Giorno del Giudizio sul quale ha richiamato l' attenzione Giovanni Gabrielli - «il diritto è terribile come la vita» e la letteratura, chiamata a raccontare la nuda verità della vita senza remore moralistiche, non può non avvertire una pericolosa vicinanza a quella terribilità e a quella malinconia. (...) È soprattutto in Germania che si è verificata, specialmente in età romantica, una singolare alleanza, quasi una simbiosi tra poesia e diritto - inteso quale diritto consuetudinario e non quale lex positiva. I fratelli Grimm, grandi filologi e letterati, erano giuristi. Raccogliendo le loro celebri fiabe, intendevano salvare il grande patrimonio del «buon vecchio diritto» ossia delle consuetudini, tradizioni, usi locali del popolo tedesco nella sua coralità; patrimonio che nei secoli era stato conservato nella letteratura popolare. Nella stessa epoca, come sottolinea Maria Carolina Foi, scoppia in Germania un' interessantissima polemica giuridica fra Thibaut, che propugna per la Germania, sul modello napoleonico, un codice civile unitario e unificante - atto a rendere tutti i cittadini uguali davanti alla legge e a spazzare via i privilegi feudali - e Savigny, che vuole invece difendere la varietà, le diversità locali, le differenze e disuguaglianze dell' antico diritto comune consuetudinario, espressione del Sacro Romano Impero, vedendo invece nel codice unico uno strumento di livellamento autoritario. Naturalmente, a seconda delle circostanze, è l' una o l' altra delle posizioni a difendere concretamente la libertà degli uomini: il modello unificante potrà essere appiattimento tirannico staliniano delle diversità o tutela democratica dei diritti di tutti gli uomini, come la sentenza che più di quarant' anni fa impose a un' università del Sud degli Stati Uniti di accogliere uno studente nero, facendo giustamente violenza alla diversità della cultura bianca e del suo razzismo stratificato nei secoli (...). Nella cultura tedesca, l' affinità fra diritto e letteratura si trasforma in pochi anni da armonioso idillio a comune lacerazione. La rivoluzione che investe - a partire dal fin de siècle, ma con dei preludi già in età romantica - la letteratura moderna e contemporanea, sconvolgendo radicalmente forme strutture e valori, distrugge anzitutto l' idea di totalità e di centralità e di ogni compatta unità, sia dell' Io sia del mondo; priva la realtà - e la sua rappresentazione - di un centro, fa di ogni individuo un uomo senza qualità ossia un insieme di qualità prive di un centro unificatore e organizzatore. A questa eclissi di un valore centrale e di un soggetto capace di costruire una gerarchia armoniosa del reale corrisponde in sede giuridica, ha scritto Natalino Irti, l' eclissi del codice unitario, sopraffatto da una centrifuga selva di leggi particolari avulse da ogni totalità: anch' esse una mera «anarchia di atomi»; come Nietzsche (e con lui Musil, ma prima di lui già Bourget) definiva quello che un tempo era Sua Maestà l' Io. Ed è lo stesso Nietzsche che - nell' aforisma 449 di Umano, troppo umano, analizzato sotto questo profilo da Irti - constata che «il diritto non è più tradizione» e dunque, vista la sua necessità alla vita sociale, può e deve essere solo imposto, cogente e arbitrario, non fondato su nulla. Nell' età contemporanea ogni fondamento, secondo Nietzsche, si è dissolto; il diritto si è sciolto da ogni tradizione fondante, religiosa o culturale, e poggia sul nulla, come l' arte, la filosofia, l' uomo stesso (...). Nonostante tutto questo, il sentire comune contrappone volentieri la passione della poesia alla razionalità non tanto del diritto, quanto della legge. È soprattutto il formalismo di quest' ultima ad apparire cavilloso, arido, negatore della calda umanità. Ma - come ha sottolineato Ascarelli - Shakespeare, nel Mercante di Venezia, ci mostra genialmente come l' umanità, la giustizia, la passione, la vita, vengano salvate da Porzia travestita da sottilissimo e capzioso avvocato, grazie al formalismo giuridico più sofistico, che autorizza sì Shylock a prendere una libbra di carne dal corpo di Antonio, ma senza versare neanche una goccia di sangue. Non è il caldo appello all' umanità, ai sentimenti, alla giustizia a salvare la vita di Antonio, bensì il freddo richiamo avvocatesco alla lettera formale della legge. Questa freddezza logica salva i valori caldi: non solo la vita di Antonio, ma anche l' amicizia di Antonio e Bassanio e soprattutto l' amore di Porzia e Bassanio, prima turbato dall' angoscia di quest' ultimo per la sorte dell' amico: «Voi non giacerete accanto a Porzia con l' animo inquieto», dice la donna all' amato, decidendo allora di liberarlo da quell' inquietudine che offusca l' eros e di salvare dunque, con i cavilli legali, Antonio. Tanta letteratura ha guardato con astio al diritto, considerandolo arido e prosaico rispetto alla poesia e alla morale (...). A differenza di chi declama le profonde ragioni del cuore pensando in realtà che esista solo il suo cuore, la legge parte da una conoscenza più profonda del cuore umano, perché sa che esistono tanti cuori, ognuno con i suoi insondabili misteri e le sue appassionate tenebre, e che proprio per questo solo delle norme precise, che tutelano ognuno, permettono al singolo individuo di vivere la sua irripetibile vita, di coltivare i suoi dèi e i suoi demoni, senza essere impedito né oppresso dalla violenza di altri individui, come lui preda di inestricabili complicazioni del cuore, ma più forti di lui, come i galeotti liberati di don Chisciotte sono più forti di lui e lo malmenano brutalmente (...). La ragione e la legge hanno spesso più fantasia del cuore, capace solo di sentire le proprie inestricabili complicazioni e incapace di immaginare che esistano pure quelle altrui. Il cuore, diceva Manzoni, sa assai poco, appena un po' di ciò che gli è stato raccontato; spesso è tutta una gran confusione, scrive Stefano Jacomuzzi. Qualificare l' omicidio o il furto come reati non basta per capire i diversi motivi per i quali diverse persone li compiono, ma chi si appella a ineffabili motivazioni dell' animo per sfuocare la gravità di quei reati capisce ancor meno le persone che li commettono. Il legislatore che punisce la corruzione negli appalti pubblici è un artista che sa immaginare la realtà, perché in quella corruzione vede non l' astratta violazione di una norma, ma, ad esempio, le cattive attrezzature di cui - causa quella corruzione - viene dotato un ospedale, in luogo di quelle efficaci che esso avrebbe avuto grazie a un' asta corretta: dietro quel reato ci sono dunque malati curati peggio, individui concreti che soffrono. Gli antichi, che avevano capito quasi tutto, sapevano che ci può essere poesia nel legiferare; non a caso molti miti dicono che i poeti sono stati anche i primi legislatori.

(Il testo è una sintesi della «lectio magistralis» su «Letteratura e diritto» tenuta da Claudio Magris a Madrid lo scorso 24 febbraio, quando l' Università Complutense gli ha conferito la laurea honoris causa)
Corriere della Sera, 16 aprile 2006, p. 29
Ilustración: Claudio Magris, por Jorge Alberto

No comments: